• Select language / Cambiar idioma
  •  
  •  
  •  

NOTIZIE

Funzione delle api
Funzione delle api

Fondamentalmente, la funzione principale o il servizio ecosistemico offerto dalle api è l'impollinazione. Le api sono molto importanti negli ecosistemi, dal momento che molte specie di piante ne hanno bisogno per riprodursi. Come le piante, gli esseri umani hanno bisogno di api per impollinare il 60% di frutta e verdura oggi esistenti e, se non impollinate, scomparire.

Dovremmo solo pensare che se le api smettono di impollinare i frutti e le verdure che mangiamo, il mondo perderebbe una grande quantità di cibo. Anche le catene trofiche sarebbero interessate dal momento che gli animali erbivori non avrebbero cibo e non potrebbero sopravvivere, quindi l'essere umano non avrebbe quegli animali erbivori dai quali nutriamo o estraiamo cibo.

Le api impollinano più di 25.000 specie di piante da fiore. Senza questi insetti, l'attività agricola tenderebbe all'estinzione. Non significherebbe solo il declino dell'agricoltura, ma quello, milioni di famiglie il cui lavoro è l'agricoltura, il loro reddito sarebbe esaurito. Ecco perché la scomparsa delle api implicherebbe gravi squilibri nella stabilità dell'economia mondiale. Grazie alle api che impollinano le colture, ogni anno vengono generati miliardi di dollari. Senza le api, quella fonte di reddito e cibo scomparirebbero.

Albert Einstein affermava che se le api scomparissero dalla faccia della Terra, l'essere umano non impiegherebbe nemmeno quattro anni per scomparire. Supponendo che le api si estinguessero o diminuissero la loro popolazione mondiale così tanto che non potrebbero adempiere al loro ruolo di impollinazione, l'equilibrio ecologico degli ecosistemi ne risentirebbe negativamente. Tutte le specie di animali che dipendono dalle piante morirebbero. Significherebbe una massiccia estinzione di specie animali e vegetali, poiché senza impollinazione non potrebbero riprodursi.
volver a noticias
Istituzioni e imprese che accompagnano e danno supporto alla Associazione Parodi onlus: